Organigramma

Scritto da Silvio Ciri. Postato in La scuola

L’Accademia Romana d’Armi – Associazione Sportiva Dilettantistica è guidata da un Consiglio Direttivo che pianifica l’attività annuale, e da uno Staff dirigente, che traduce la visione del Consiglio in realtà operativa. Il lavoro dell’Associazione è coadiuvato da numerosi soci organizzati in gruppi e aree, facenti capo a un Responsabile membro dello Staff; il lavoro dello Staff è supervisionato dal Coordinatore.
Molti soci attualmente lavorano allo sviluppo dell’ARA secondo le proprie inclinazioni, disponibilità, competenze e nell’ottica della collaborazione associativa da cui trae origine l’anima della struttura. Per ricompensare simbolicamente la mole di ore spese al servizio gratuito dell’Associazione, l’ARA ha istituito per i suoi soci un sistema di ranking collaborativo: attraverso l’attribuzione di punti di collaborazione l’Associazione rende conto della qualità della prestazione del socio, che acquisisce progressivamente piccoli benefits per il servizio svolto.
Riteniamo così che questo riconoscimento, pur se lontano dall’offrire una reale compensazione all’impegno disinteressato dei nostri soci, reale fondamento della nostra vita associativa, possa rappresentare almeno un simbolico e piacevole segno della nostra gratitudine.

 

Consiglio Direttivo

 

  • Presidente: Francesco Lodà
  • Vice-presidente: Stefano Ciamei
  • Tesoriere: Stefano Ciamei
  • Segretario: Riccardo Quirico
  • Consiglieri: Maria Antonietta Celico, Silvio Ciri, Marco Zaccari, Alessandro Ricci

 

 

Staff

 

  • Coordinatore: Francesco Lodà
  • Responsabile Area Comunicazione e Materiali: Stefano Ciamei
  • Responsabile Area Amministrazione e Marketing: Riccardo Quirico
  • Responsabile Area Media-Web e Logistica: Silvio Ciri
  • Responsabile Area Didattica, Formazione e Immagine: Francesco Lodà

 

 

 

Gruppi di collaborazione

Area Comunicazione
Ufficio Stampa
Relazioni Esterne

 

Area Materiali
Produzione
Ordini e Fornitori

 

Area Amministrazione
Procedure
Vita Associativa

 

Area Marketing
Marketing Operativo

 

Area Media-Web
Grafica
Web Design
Programmazione

 

Area Logistica
Trasporti
Magazzino

 

Area Didattica e Formazione
Ricerca storica
Preparazione atletica
EPS
Metodologia e Aggiornamento

 

Area Immagine
Pubblicità e Promozione
Scenografie
Spettacolo
Locations

Storia dell'Accademia Romana d'Armi

Scritto da Silvio Ciri. Postato in La scuola

La Sala d'Arme tradizionale Zaknafein, nasce ufficialmente il 4 dicembre 2001 dalla passione di pochi ragazzi per le discipline marziali e, propriamente, per le armi antiche.

All'inizio, le difficoltà non sono poche: trovare un luogo in cui potersi allenare, in una metropoli come Roma, è opera tutt'altro che semplice; pochissimi i privati interessati a ospitare un corso di scherma antica, e del tutto nulla la possibilità di collaborare con strutture pubbliche.
Per i primissimi mesi il corso si tiene nei locali del negozio Maremoto, adatti a ospitare un piccolo gruppo di appassionati con molte speranze e poche pretese.
Grazie a un'attenta opera di sensibilizzazione e all'impegno degli Allievi, nei mesi successivi cresce il numero delle iscrizioni. Si delinea, così, chiara l'esigenza di trovare uno spazio più confacente alle nuove necessità: una palestra ampia, dotata di buone strutture di appoggio e facilmente raggiungibile.

La ricerca della nuova Sala impone un breve punto d'arresto agli allenamenti: le Istituzioni inizialmente non sembrano interessarsi alla promozione dell'attività, nonostante l'evidente valore sportivo e culturale, e i tempi imposti dagli iter burocratici convenzionali escludono la possibilità di appoggiarsi a istituti pubblici d'istruzione; d'altra parte, le strutture private temono di impegnarsi in attività nuove e non ancora consolidate, o comunque pretendono cospicue somme di affitto degli impianti, incompatibili con le esigenze del gruppo.

L'impasse viene superato quando, negli ultimi giorni di febbraio 2002, la Sala riesce a trovare il proprio spazio nella blasonata polisportiva San Charles.
La San Charles, una delle più importanti strutture private romane per lo sport, opera già da molti anni e con molti successi nella pallavolo, nel basket, nel pattinaggio e nelle arti marziali orientali. Polisportiva consolidata, non ha timore di incoraggiare una nuova attività di cui comprende il valore, anzi si impegna in un concreto lancio promozionale della Sala d'Arme, che viene affiancata alle preesistenti discipline marziali orientali in qualità di
controparte occidentale.

Passano i mesi, e la Sala si dedica a consolidare le proprie conquiste.
Grazie alle lezioni mensili col Maestro d'Arme Andrea Lupo Sinclair e con la collaborazione con la Sala di Firenze, l'attività della Zaknafein comincia ad acquisire popolarità locale.
In breve, il numero degli iscritti si incrementa nuovamente, e la Sala si dedica alla promozione del proprio corso.
L'affiliazione alla Federazione Ludica Romana, la più affermata realtà laziale nel panorama dell'intrattenimento intelligente, offre agli Allievi la possibilità di accedere a fiere e manifestazioni di settore.

A luglio, è la volta di Ludika 1243: nella suggestiva cornice del centro storico di Viterbo, la Sala si esibisce in dimostrazioni e brevi lezioni collettive.

La Sala riesce a esemplificare come la Vera Scherma e la Rievocazione Storica operino in ambiti assolutamente indipendenti, autosufficienti e non in competizione.

Il successo è tale da garantire il riconoscimento delle Autorità e degli organizzatori della manifestazione, e alcuni degli spettatori della manifestazione sono oggi nostri Allievi.
A ottobre, la Zaknafein ottiene uno stand e la possibilità di esibirsi in dimostrazioni nella fiera Romics 2002, la più grande fiera laziale dedicata all'intrattenimento; nei quattro giorni di fiera si registrano circa 50.000 ingressi: nel solo mese di ottobre il numero degli Allievi raddoppia.

Il 2003 comincia con una novità: a gennaio nasce la seconda sede dell'Accademia d'Armi "Manuela Lecchi" del Maestro Lupo Sinclair, massima espressione della Vera Scherma in Italia.

La Sala patrocina la creazione di questa Accademia, individuando nelle Istituzioni e nel territorio di Onano (VT) le premesse necessarie allo sviluppo del progetto. L'intesa raggiunta con l'ottima cooperativa "Baccanus", attenta promotrice di nuove iniziative sul territorio e proprietaria della foresteria "La Smafera" a Onano, e l'interesse del del Comune del paese consentono la definizione di un appuntamento fisso mensile di due giorni, in cui lo studio approfondito della Scherma si accompagni alla riscoperta del patrimonio storico e naturale locali.

Continua....

Chi siamo

Scritto da Silvio Ciri. Postato in La scuola

L’Accademia Romana d’Armi (ARA) è una Società Sportiva Dilettantistica che si dedica allo studio, alla tutela e all’insegnamento della scherma storica o tradizionale: l’arte marziale della spada, da cui deriva la moderna scherma da pedana.

Nata a Roma nel 2001 col nome di Sala d’Arme Zaknafein ha rappresentato per più di sette anni la sezione romana della Federazione Italiana Scherma Antica e Storica; distaccatasi da questa assieme ad altre associazioni nel 2008, l’Accademia Romana d’Armi è entrata a far parte della UISP (Unione Italiana Sport per Tutti), il più grande ente di promozione sportiva d’Italia.

Nel 2008, l’ARA ha creato il primo programma di scherma storica e il primo piano di formazione per insegnanti legalmente riconosciuti secondo gli standard europei di settore; i programmi didattici e gli insegnanti dell’associazione sono quindi certificati e riconosciuti in Italia dalla UISP, e a livello internazionale dalle federazioni sportive CSIT, FISpT, UESpT ,TAFISA, ISCA, CESS.

L’ARA entra poi nello CSEN, con il quale realizza l'attuale campionato HEMA Nazionale e tre tappe Internazionali.

Negli anni della sua attività, l’ARA  ha partecipato alle maggiori manifestazioni di settore nel territorio nazionale e internazionale (vedi curriculum vitae), organizzando a Roma anche alcuni dei più importanti incontri.

L’ Accademia Romana d’Armi offre un percorso completo per l’apprendimento della scherma, in particolare italiana, nel rispetto della tradizione della disciplina e delle metodologie della ricerca storica.
La scherma è un’arte marziale. Attraverso la pratica seria e continuativa, l’allievo può prendere coscienza del proprio percorso marziale. La scherma offre:

  • allenamento aerobico e costantemente controllato;
  • padronanza e rispetto del corpo;
  • autodisciplina e controllo dell'aggressività;
  • autocontrollo e rispetto dell’etichetta;
  • preparazione storica e capacità d’analisi;
  • abitudine al confronto col “problema” e con se stessi;
  • ricerca del miglioramento e introspezione.

L’ ARA lavora esclusivamente con equipaggiamenti specifici progettati per le esigenze di realismo, attendibilità storica e sicurezza della pratica che sono proprie della scherma tradizionale.

L’ Accademia Romana d’Armi è rigorosamente apolitica, aconfessionale, apartitica e si riconosce nei valori di libertà e uguaglianza espressi nella Costituzione Italiana.

Informazioni generali

Scuola di Scherma Storica dal 2001.  Si insegna l'arte marziale della spada da cui deriva la moderna Scherma Olimpionica. Gli stili insegnati sono relativi a: Spada a Due Mani, Spada da Fante, Striscia con e senza daga, Sciabola, Spada da Terreno.

Sede Amministrativa: Largo Leo Longanesi 10, Roma
Telefono: (+39) 329 0956472
Fax: (+39) 06 5414782